Farecchiata

Acqua Nerea / Enogastronomia  / Farecchiata
Farecchiata

Farecchiata

La Roveja è una qualità di pisello selvatico coltivato in piccoli appezzamenti dei Monti Sibillini, con seme di colore marroncino tendente al giallo. Questa pianta si adatta a vivere in terreni argillosi e umidi, ed è dotata di una buona resistenza al freddo.

Particolarmente apprezzata per la preparazione di una polenta chiamata “farrocchiata” o “farecchiata”, dal gusto intenso e lievemente amarognolo. Secondo la tradizione, va condita con un battuto di alici, aglio e olio extravergine di oliva: ecco come prepararla!

Ingredienti per 6 persone:

1 Kg di farina di roveja (farecchiata)
1 hg di alici sotto sale
1 spicchio di aglio
Olio

Riempire a metà con acqua una capace pentola e versarvi lentamente, a pioggia, la farina mescolando. Far cuocere a fuoco lento per almeno tre quarti d’ora, mescolando in continuazione, come per la polenta.

In una padella a parte far rosolare l’aglio e poi aggiungere le alici, dopo averle diliscate e lavate e schiacciarle con la forchetta. Versare sulle tavolette di legno o sui piatti la farecchiata, condirla con il soffritto e mangiarla ben calda. Se avanza, si può rosolare a fette in padella con un po’ d’olio, anche il giorno dopo.

Post Tags: